Il Patriarca di Venezia e Kiko Argüello insieme all’inaugurazione della Corona misterica di Mestre

Mestre

Domenica 16, alle 16.00, la benedizione dell’opera nella chiesa di S. Giovanni Evangelista

E’ uno dei dipinti più imponenti realizzati nelle chiese trivenete quello che verrà inaugurato e benedetto domenica 16 marzo, alle 16.00, nella chiesa di S. Giovanni evangelista in via Rielta a Mestre. Realizzato dal pittore spagnolo Kiko Argüello e dalla sua équipe internazionale di artisti, misura 40 metri di lunghezza per 3 di altezza e rappresenta una “corona misterica”: un ciclo di 13 icone di grande formato che abbracciano lo spettatore, illustrando i principali misteri della vita di Cristo e delle Chiesa, fissati nelle principali feste liturgiche. A impartire la benedizione sarà il Patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia. Sarà presente alla cerimonia anche Kiko Argüello, con alcuni dei nove pittori che hanno lavorato nei mesi scorsi nella chiesa mestrina. Kiko è l’iniziatore del Cammino neocatecumenale, realtà ecclesiale approvata dalla Santa Sede attraverso appositi Statuti, presente in più di 900 diocesi di 105 nazioni, con oltre 20 mila comunità in 6.000 parrocchie; forma sacerdoti in 100 seminari Redemptoris Mater sparsi nel mondo. Nella diocesi di Venezia sono presenti circa 2500 persone legate al cammino neocatecumenale. Sono stati invitati per l’occasione, oltre alle autorità veneziane, i rappresentanti della Chiesa ortodossa locale. L’affresco fonde infatti il gusto contemporaneo – l’innovazione portata nella pittura dal cubismo – con la tradizione orientale degli iconografi, Andrej Rublëv in particolare. Il programma prevede un’illustrazione delle icone da parte di Kiko e una liturgia della Parola con una omelia del Patriarca, che poi benedirà l’opera. Per raccontare la genesi della “corona misterica” e spiegarne i significati la parrocchia ha preparato un volume fotografico, che verrà presentato domenica. fonte: GenteVeneta.it

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =