Testimonianza di un Cardinale statunitense alla convivenza presso la Domus Galileae

Dal blog del Cardinale Sean

La settimana scorsa (1/26), sono stato invitato a partecipare ad una convivenza e ad un congresso per i vescovi organizzati dal Cammino Neocatecumenale presso il loro centro Domus Galilaeae nell’Israele. La convivenza è stata organizzata dall’equipe internazionale responsabile del Cammino Neocatecumenale: Kiko Arguello, Carmen Hernandez e padre Mario Pezzi. Circa 200 vescovi hanno assistito all’evento questo anno. Cinquanta vescovi sono venuto dagli Stati Uniti, compreso il Vescovop McManus di Worcester ed il Vescovo Hennessey, uno dei nostri aiutanti qui a Boston. Ci erano inoltre otto cardinali, parecchi funzionari del Vaticano e Vescovi venuti da ogni parte del mondo. Padre Tony Medeiros, il rettore del nostro seminario Redemptoris Mater, mi ha accompagnato.

Padre Rino Rossi, direttore della Domus, ci ha accolti amorevolmente e ci ha detto che oltre 1.200 Vescovi hanno visitato questo posto, e che hanno assistito negli ultimi anni a simili convivenze. È un numero impressionante, circa un terzo dei Vescovi nel mondo. Inoltre ci ha detto che il centro è stato benedetto da Papa Giovanni Paolo II  durante la sua visita in Terra Santa nel 2000.

La Domus Galilaeae si trova sulla parte più alta del Monte delle beatitudini, dove Gesù ha proclamato il sermone della Montagna. Durante la convivenza  ci sono stati congressi differenti sulla storia e sullla spiritualità del Cammino Neocatecumenale, principalmente di sera, mentre abbiamo visitato parecchi luoghi santi nel corso della mattinata. Ovviamente, la spiritualità del Cammino Neocatecumenale, così tanto basata sul mistagogia battesimale, è una Grazia per la Chiesa e sta permettendo che tanta gente possa approfondire il loro proprio impegno battesimale ed abbracci una forma molto radicale di vita evangelica. Il Papa Benedetto XVI si è incontrato il mese scorso con 7.000 membri del Cammino Neocatecumenale ed ha fatto loro un bel discorso che sottolinea questa funzione del loro carisma. La centralità del liturgia e  l’importanza dell’estetica – fa si che la gente contempli la bellezza di Dio –ed è evidente in tutto ciò che il Cammino Neocatecumenale fa.

Il fatto che il fondatore è un artista e un musicista di talento inoltre è un fattore molto importante nel modo in cui  il Cammino si è sviluppato ed in come catechizza ed evangelizza con la bellezza della liturgia, dei canti e nell’iconografia.

Vorrei aggiungere che  la parte migliore della settimana è stata poter celebrare la Messa al Cenacolo. Il Cenacolo è la ” Stanza superiore, ” il posto di ultima cena, il posto in cui Gesù compare ai suoi discepoli durante la Pasqua e dove Maria e gli apostoli hanno perseverato nella preghiera prima della manifestazione dello Spirito Santo a Pentecoste. E’ stato un grande privilegio di essere là.

Viaggio al “Muro del Pianto”

Il  seguente giorno (2/1), erravamo pronti per rientrare a Boston, ma l’aeroporto di Newark era chiuso a causa dellla tempesta della neve che ha colpito il nord-est. Così, ci siamo accordati per rimanere un  giorno ancora a Gerusalemme. Era la festa della presentazione e siamo riusciti ad andare al “Muro del Pianto”, che è l’unica parete ancora esistente del tempio di Gerusalemme. Là abbiamo pregato il Nunc Dimittis di Simeone, questo ebreo devoto riconosce il bambino Gesù come il  Messia.

Al “Muro del Pianto”, abbiamo pregato per intercessione della nostra Signora per tutti i nostri sacerdoti e gente dell’arcidiocesi.

Agitazione nell’Egitto.

Essere in ‘Israele durante il momento di agitazione politica del Giordano e dell’Egitto ci ha aiutato di capire la natura rischiosa ed instabile di quella regione. Solo  quando le soluzioni politiche verranno basate sulla giustizia la pace potrà essere raggiunta, altrimenti sempre sarà minacciata.

Incoraggio tutti voi ad unirvi nella preghiera per la pace in Terra Santa ed in tutti quei paesi del Medio Oriente in cui così tanto si sta soffrendo.

 

fonte: http://www.pilotcatholicnews.com/article.asp?ID=12934

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 3 =