Ammissione agli ordini sacri al Seminario Redemptoris Mater

GALILEA – Giovedì 21 marzo ha avuto luogo, presso la Chiesa del Centro Internazionale Domus Galilaeae, una celebrazione eucaristica presieduta da S.E.R. Mons. Ilario Antoniazzi, nuovo Arcivescovo di Tunisi. All’interno della celebrazione, tre seminaristi del Seminario Redemptoris Mater della Galilea sono stati ammessi agli ordini sacri per il Patriarcato Latino di Gerusalemme: Sliman Hifawi, nativo di Jaffa di Tel Aviv, Juan Manuel Silva Lopez, originario della Colombia, e Marek Kurzydłowski dalla Polonia.

Durante l’omelia, l’Arcivescovo si è detto molto felice di poter raccogliere i primi frutti dalla sua ordinazione episcopale, avvenuta solo pochi giorni fa, invitando i tre candidati a rispondere generosamente “Eccomi!” alla chiamata che il Signore ha rivolto loro, imitando così la fede di Abramo e della Vergine Maria. Citando San Bernardo, Mons. Antoniazzi ha indicato che, come già a Nazareth per la Vergine, oggi l’Angelo e con lui la Chiesa attendono una risposta da coloro che sono chiamati. Ha anche ricordato che la vocazione al sacerdozio non è un evento esclusivo e intimo, ma una chiamata che riguarda tutta la Chiesa, coinvolgendo in primo luogo le famiglie e le comunità in cui il desiderio di seguire Cristo è nato.

A conclusione della celebrazione, il Rettore del Seminario d. Francesco Giosuè Voltaggio ha ringraziato l’Arcivescovo Ilario, assicurando la vicinanza del Seminario alla sua importante missione di Pastore al servizio della Chiesa in Tunisia. Una profonda gratitudine è stata anche rivolta ai fratelli delle comunità neocatecumenali della Terra Santa presenti (provenienti da Jaffa di Tel Aviv, Shefa‘amer, ‘Eilaboun, Tarshiha, Me‘elia),  per il loro sostegno ai seminaristi, per i quali è fondamentale poter continuare a percorrere il cammino di fede all’interno di una comunità che li accompagna e li incoraggia.

fonte: http://it.lpj.org/2013/03/25/ammissione-agli-ordini-sacri-al-seminario-redemptoris-mater/

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + otto =