Al Sinodo l’intervento di Kiko Argüello: necessaria riflessione seria sulla nostra fede

Cristo è risorto. Questo annuncio dato duemila anni fa alle donne presso il sepolcro di Gesù, sprigiona ancora oggi la sua forza liberando l’uomo del XXI secolo dalle catene della morte. E’ l’esperienza che quotidianamente fa il Cammino Neocatecumenale, nato in Spagna quasi cinquant’anni fa, come frutto del Concilio Vaticano II. L’esperienza di questo itinerario ecclesiale, diffuso oggi nei cinque continenti, è stata raccontata nell’aula del Sinodo da uno degli uditori, il co-iniziatore del “Cammino” Francisco Argüello, Paolo Ondarza di Radio Vaticana lo ha intervistato 


R. – Tutti noi uomini, per la paura che abbiamo della morte, siamo soggetti al ricatto del demonio: facciamo cioè quello che vuole il demonio: divorzi, aborti, omicidi, menzogne. Cristo, mediante la sua morte e resurrezione, è venuto a togliere questo potere al demonio: Cristo vince la morte e dona all’uomo la possibilità di una vita eterna, una vita che ha vinto la morte.

D. – Il Cammino Neocatecumenale, annunciando all’uomo contemporaneo che Cristo è Risorto, che Dio ama l’umanità, porta in tante situazioni di morte, la Resurrezione. Come in termini concreti?

R. – Facciamo un esempio. Una coppia si sposa: l’uomo non conosce Gesù Cristo, ha dentro di sé la morte, perché l’umanità separandosi da Dio vive in una condizione mortale. Nel momento in cui vive un conflitto all’interno del matrimonio, l’uomo o la donna non sa come risolverlo, si sente morire e decide di divorziare; se quest’uomo, è cristiano, quindi non ha dentro la morte perché dentro è guarito, affronta la situazione di sofferenza e di conflitto e non divorzia. Tuttavia tanta gente cattolica divorzia: questo perché ha bisogno di una nuova evangelizzazione.

D. – Il Cammino Neocatecumenale, proponendo una riscoperta del Sacramento del Battesimo, dell’iniziazione dei catecumeni, rappresenta una forma di nuova evangelizzazione…

R. – Giovanni Paolo II ha riconosciuto il Cammino e ha detto: riconosco il Cammino Neocatecumenale come un itinerario di formazione cattolica valido per i tempi di oggi. Egli ha auspicato che i vescovi aiutino questa opera per la nuova evangelizzazione.

D. – I padri sinodali ribadiscono l’importanza dei nuovi movimenti e delle nuove comunità per la nuova evangelizzazione: essi contribuiscono a quella primavera cristiana che sta avvenendo all’interno della Chiesa. Qui al Sinodo si respira la comunione che c’è tra i singoli movimenti, nonostante le differenze, nonostante la diversità di carismi…

R. – Noi siamo tutti amici. Io ero molto amico di Chiara Lubich, di don Giussani. Siamo in comunione anche con i Carismatici. E’ una diceria quando si vorrebbe far credere che i movimenti sono in conflitto tra loro. Non è vero, perché tutti abbiamo lo stesso Spirito.

D. – Il suo auspicio per questo Anno della Fede da poco iniziato?

R. – E’ importantissimo ripensare cosa sia la fede. Perché l’Europa ha perso l’orientamento? Perché sta succedendo tutto questo? Perché la gente è andata via dalla Chiesa? Dobbiamo fare una riflessione seria anche sulla nostra stessa fede e dobbiamo farla tutti: preti, vescovi, realtà ecclesiali, parrocchie. E’ un momento provvidenziale quest’anno della Fede: dobbiamo ripensare la nostra fede per portare avanti una nuova evangelizzazione.

 

fonte: http://it.radiovaticana.va/articolo.asp?c=630975

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − diciassette =