Proclaim 2012 – Convegno sulla Nuova Evangelizzazione in Australia

“Quello che io vi dico nelle tenebre, ditelo voi nella luce; e ciò che udite detto all’orecchio predicatelo sopra i tetti”. E’ questo il tema – tratto dal Vangelo secondo Matteo 10, 27 – di “Proclaim 2012”, la prima conferenza nazionale sulla Nuova Evangelizzazione in Australia.

L’evento – riferisce l’Osservatore Romano – si svolgerà nella cittadina di Chatswood, nello Stato del New South Wales, avrà una durata di tre giorni, a partire dal prossimo 9 agosto, ed è stato promosso dalla Conferenza episcopale australiana (Acbc), e organizzata dal Catholic Mission Australia e dal Catholic Enquiry Centre’s National Office for Evangelism.

Già oltre 450 persone (tra giovani responsabili religiosi, religiose, parroci, personale e volontari diocesani e parrocchiali, dirigenti scolastici, insegnanti di religione) hanno dato la loro adesione. Tra gli altri, parteciperà al convegno, con due interventi, l’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

“Proclaim 2012”, spiega il presule all’Osservatore Romano, “è un evento molto importante, è il primo momento di nuova evangelizzazione che coinvolge l’Australia”. Questo, prosegue il presule, è “un Paese molto lontano da noi, ma che rappresenta una presenza molto significativa nella Chiesa cattolica”.

Al centro dell’evento sarà la nuova evangelizzazione nelle parrocchie. “Vogliamo prendere l’energia, l’esperienza e l’entusiasmo dei carismi dei movimenti coinvolti nella nuova evangelizzazione – spiega Marita Winters, direttore del National Office for Evangelization and the Catholic Enquiry Centre – e trasmetterli nelle parrocchie”. Le parrocchie, infatti, spiega il sito della conferenza episcopale nazionale “sono comunità donateci dalla Chiesa all’interno delle quali si può vivere la fede cattolica”. (A cura di Davide Maggiore)

fonte: http://it.radiovaticana.va/articolo.asp?c=610609

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × cinque =