La Famiglia Furgione, di Roma, nella delegazione ufficiale dell’Africa del Sud a Milano per la GMF2012

Il Sud Africa sarà presente alla Giornata Mondiale della Famiglia, per la prima volta, con una  delegazione ufficiale della Conferenza Episcopale dell’Africa del Sud composta da due Vescovi e due famiglie del Cammino Neocatecumenale: Michael e Natalie Eckard di Belhar (Cape Town) con sei figli; e Dino e Roberta Furgione, di Roma, itineranti responsabili del Cammino per il Sudafrica, anche loro con sei figli.

Li abbiamo intervistati all’aeroporto di Johannesburg alla vigilia della partenza, Michael ricorda il suo ultimo pellegrinaggio “oltremare”, overseas, come i sudafricani sono soliti chiamare i paesi europei. “Era a Czestochowa, per la Sesta Giornata Mondiale della Gioventù nel 1991. Eravamo un piccolo gruppo, e abbiamo avuto anche l’opportunità di incontrare personalmente il Papa… conservo ancora la foto! Allora ero un adolescente, e non avrei mai immaginato che Dio avrebbe cambiato così radicalmente la mia vita! Oggi torno dal Papa dopo più di vent’anni, ed è un’occasione per fare memoria di tutte le grazie ricevute e dare gloria a Dio. Sono in special modo grato alla Chiesa per la chiamata all’apertura alla vita. Non è stato sempre facile, ma oggi vedo davanti a me i frutti di questa scelta. Il Signore è stato fedele, e oggi dopo vent’anni posso tornare dal Papa, insieme a mia moglie e ai miei sei figli, per rendere grazie a Dio”.

Dino Furgione lo conferma: “è vero quanto ascoltato nell’incontro dei Giovani a Napoli, il Cammino sta aiutando la famiglia attraverso la comunità cristiana che percorre un cammino di riscoperta del proprio battesimo. E noi come famiglia rispondiamo al dono della fede ricevuta in questa comunità aprendoci alla vita con coraggio. È così che oggi la famiglia cristiana sta salvando la Chiesa e la società”.

Il Cammino Neocatecumenale, frutto della riscoperta del catecumenato ispirata dal Concilio Vaticano II, è arrivato in Sudafrica nel 1986 e oggi conta più di 20 comunità in 4 diocesi.

A seguito dell’incontro con il Papa, i Furgione e gli Eckard si uniranno insieme agli altri 100,000 membri del Cammino Neocatecumenale per un incontro con gli iniziatori, Kiko Argüello and Carmen Hernandez alla Fiera di Rho, Milano.

Li accompagnerà anche l’Arcivescovo di Pretoria, William Slattery, che ha recentemente aperto il Cammino nella sua diocesi e dove si sono formate già 3 comunità in soli 4 mesi. “Sono contento di venire a Milano. Per me sarà l’occasione di sperimentare la comunione della Chiesa universale, ed essere arricchito dalla testimonianza di queste famiglie del cammino neocatecumenale, provenienti da ogni parte del mondo”.

Si tratterà di un incontro vocazionale: Kiko metterà in pratica le parole del Papa e chiamerà le famiglie a dare la loro disponibilità di seguire il Signore nella Nuova Evangelizzazione. Attualmente sono un migliaio le famiglie del Cammino ad aver risposto a questa chiamata, abbandonando le sicurezze della loro vita quotidiana per andare lì dove la Chiesa lo richieda.

Dino e Roberta sono felici di poter partecipare all’incontro quale famiglia, uniti nella testimonianza della loro missione in Sudafrica. Dino aggiunge: “La presenza di così tante famiglie provenienti da diverse nazioni, proprio qui, nel mezzo di un Europa grigia e secolarizzata che ha smarrito molti dei valori che la contraddistinguevano, è un segno di grande speranza. Cristo sta rivelando all’uomo il vero e pieno significato della sua vita, e questo è quello che sta spingendo tutti noi a costruire una nuova società che guardi al futuro con fiducia certi della vita nel mondo che verrà”.

By Marco Cavagnaro

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − nove =