Gerusalemme: la sinfonia di Kiko Arguello nel segno del dialogo ebraico-cristiano, come augurava Giovanni Paolo II

La celebrazione sinfonico-catechetica “La sofferenza degli Innocenti” presentata martedì scorso a Betlemme per la comunità arabo-cristiana, ieri sera ha avuto un seguito a Gerusalemme per il mondo ebraico. L’evento – con la sinfonia composta da Kiko Arguello, uno degli iniziatori del Cammino Neocatecumenale – si è tenuto al Teatro della Municipalità della Città Santa alla presenza di oltre 600 persone tra cui molti esponenti religiosi e civili del mondo ebraico.

Kiko ha presentato la sua opera sul dolore della Vergine Maria e di Gesù nel Getsemani, che termina con il “trionfo musicale” del Resurrexit. Roberto Piermarini  di Radio Vaticana ha chiesto al direttore del Centro Domus Galilaeae di Tiberiade, don Rino Rossi, tra gli organizzatori del concerto, come è nato questo evento non solo musicale ma soprattutto interreligioso. Di seguito la registrazione dell’intervista:

 

fonte: http://www.oecumene.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=550354

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
,
2 comments on “Gerusalemme: la sinfonia di Kiko Arguello nel segno del dialogo ebraico-cristiano, come augurava Giovanni Paolo II

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + 20 =