La Diocesi di Macerata si prepara a festeggiare quattro nuovi Diaconi dal Redemptoris Mater

La Diocesi di Macerata – Tolentino – Recanati – Cingoli – Treia si prepara a festeggiare quattro nuovi Diaconi. Emanuele Marconi, Giovanni Moroni, Iagnesh (Ignazio) Konganawor e Stefano Buccione verranno infatti ordinati per imposizione delle mani del Vescovo S. E. monsignor Claudio Giuliodori sabato 15 ottobre, alle ore 10.30, nella Cattedrale di San Giuliano a Macerata. Saranno poi ordinati presbiteri nel corso del prossimo anno.

Emanuele Marconi, nato a Macerata il 2 dicembre del 1976, fa parte della prima Comunità neocatecumenale nella parrocchia del SS. Sacramento di Macerata. Dopo gli studi universitari e un’esperienza lavorativa, è entrato in Seminario nel 2003: una volta terminati gli studi, ha poi proseguito il suo Cammino in missione in Cina, dove è rimasto per tre anni. Stefano Boccione – anche lui ordinato per la Diocesi di Macerata – è nato invece a Chieti il 5 maggio del 1977. Da 21 anni vive l’esperienza del Cammino neocatecumenale grazie al quale ha maturato la sua fede, scoprendo così la vocazione al presbiterato.

Dopo alcuni anni di esperienza lavorativa è entrato nel Seminario diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Macerata e, conclusi gli studi, è stato in missione itinerante per tre anni. Anche Giovanni Moroni, classe 1984, ha avvertito la propria vocazione grazie al Cammino neocatecumenale: nel settembre del 2001 è entrato nel Seminario “Redemptoris Mater” e, dopo sei anni, è partito per la missione in Cina, dove ha sperimentato la fedeltà e la presenza concreta di Dio. Sarà incardinato nella diocesi di Ancona-Osimo. Infine, Iagnesh Shantappa Konganawor, ha 32 anni e viene da Kirwatti, un piccolo villaggio dell’India. Quinto di sette figli, proviene da una famiglia molto credente, e dal 2004 è seminarista nel “Redemptoris Mater”: anche lui ha vissuto per tre anni l’esperienza della missione in terra cinese. Svolgerà il suo servizio nell’Arcidiocesi di Genova.

 

fonte: http://www.diocesimacerata.it/

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 5 =