Quattro nuovi preti per Westminster, di cui uno proveniente dal Redemptoris Mater

Sono stati da poco ordinati quattro nuovi Sacerdoti nella Cattedrale di Westminster con l’Arcivescovo Vincent Nichols: Paulo Bagini, proveninete dal seminario Redemptoris Mater, Andrew Connick, Andrew Gallagher e Stokes Graham P. I candidati si sono preparati per il sacerdozio per 12 anni. Il primo pensiero di Andrew Connick di diventare  sacerdote fu quando svolgeva il servizio di giovane chierichetto nella sua parrocchia di S. Edoardo il Confessore, a Golders Green; ha studiato informatica prima di entrare in seminario. Andrew Gallagher, che è cresciuto nella parrocchia di Nostra Signora di Lourdes a Harpenden ha trascorso del tempo nella Cattedrale di Westminster, che lo ha aiutato a capire che lui era stato chiamato al sacerdozio. Graham Stokes dice che la sua vocazione è maturata al di fuori di un tradizionale sfondo parrocchiale, ovvero attraverso la cappellania dell’Università di Nottingham, e poi attraverso le amicizie che ha costruito a Londra attraverso il movimento della Gioventù 2000.

Nella sua omelia, l’Arcivescovo Nichols ha detto che ogni giorno, i neo-ordinati “avranno lo sguardo su Cristo, nostro Salvatore, nella preghiera e nella contemplazione, sapendo che egli solo è la sorgente e la potenza del loro ministero. Ogni giorno durante la Messa sapranno tenerlo davanti a noi come, alla consacrazione, sollevano il suo Corpo per la nostra adorazione. E ogni giorno sarà presente nel Cristo trafitto lo sgomento del dolore e avvilimento di tanti del suo popolo “

L’Arcivescovo Nichols ha poi continuato: “Questo, quindi, è compito del sacerdote: essere un compagno di afflizione, attraverso Cristo che si è spezzato per noi. Non possiamo essere molto buona. Siamo persone normali che cercano di realizzare una vocazione straordinaria. E così, più di tutti, dobbiamo formare noi stessi ad essere vicini a Cristo ogni giorno. Solo per  Lui è la nostra speranza e la nostra salvezza. Per lui solo è tutta la gloria e il potere. Egli solo è il nostro sacerdote, portandoci alla casa del nostro Padre attraverso le prove e gli insuccessi della vita. E’ ‘il dono più grande di tutti, la nostra più alta dignità, condividere questo sacerdozio con Andrews, Graham e Paolo, di farlo attraverso l’ordinazione di questa mattina. Preghiamo per loro oggi e sempre, con tutti gli angeli ei santi, che il loro ministero sia benedetto e arricchito dalla nostra Chiesa “.

I quattro nuovi sacerdoti portano a 417 il totale dei sacerdoti della Diocesi di Westminster.Con 214 parrocchie e una popolazione stimata di 422.830 cattolici, la diocesi di Westminster comprende i Comuni di Londra a nord del fiume Tamigi, tra il fiume Lea ad Est, il Comune di Hillingdon verso l’Occidente, e compresa la contea di Hertfordshire al Nord.Tutti e quattro i sacerdoti hanno percorso un cammino molto diverso  che li hanno portati a questo momento della vita molto impegnativo.

Paulo Bagini, ha dichiarato: “Vengo dal Brasile, la mia famiglia fa parte del Cammino Neocatecumenale, e così sono stato un cattolico praticante, volendo diventare sacerdote sin dalla più tenera età. Mi ricordo che da piccolo volevo battezzare il mio gatto! Eppure sono stato anche un bel ragazzo ribelle, voltando le spalle alla Chiesa. Ma ho presto trovato la mia vita scoprendo di essere molto vuoto; così un giorno presi il coraggio di tornare a Messa. In quel giorno ho sentito le parole: ‘Dio ti ama come sei’ in un modo totalmente nuovo. Dio parlava direttamente a me! Da quel giorno Dio mi ha condotto in un viaggio incredibile che mi ha portato in Inghilterra all’età di 18 anni per iniziare la mia formazione al sacerdozio presso il seminario Redemptoris Mater e poi al Seminario Allen Hall. Sono stato aiutato dalla saggezza della preghiere e dall’amore di tante persone che ho conosciuto nelle parrocchie e nelle diverse comunità a cui Dio mi ha mandato nel corso degli ultimi dodici anni. In particolare, vorrei ringraziare la mia comunità neocatecumenali sia in Brasile e Londra e tutti alla Madonna e la parrocchia di San Giuseppe in Hanwell, dove sono stato negli ultimi due anni. Vorrei anche ringraziare la mia famiglia che ha avuto la fede e l’amore di lasciarmi andare e dare la mia vita per la Chiesa in un paese lontano da loro. Con l’avvicinarsi ordinazione, la mia prima sensazione è di totale indegnità: che Dio!! mi chiamano per annunciare la sua Buona Novella e mi consola che Dio sceglie ciò che è imperfetto per rivelare la sua gloria. Rendiamo grazie a Dio “.

 

Fonte: Casa Arcivescovi http://www.indcatholicnews.com/news.php?viewStory=18545

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =