Il Vaticano lancia un progetto di Nuova Evangelizzazione nelle grandi metropoli europee

Un progetto-pilota in dodici grandi città per rilanciare la fede nel cuore dell’Europa secolarizzata: sarà la prima grande iniziativa del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, creato da papa Benedetto XVI per dare nuovo impulso alla trasmissione della fede nelle terre dove la fede cristiana ha radici antiche ma frutti ormai un po’ appassiti. A mettere a punto il progetto, denominato “Missione Metropoli” sono stati i cardinali e i vescovi di di Barcellona, Esztergom-Budapest, Mechelen-Bruxelles, Dublino,Colonia, Lisbona, Liverpool, Parigi, Torino, Varsavia e Vienna.

Li ha convocati a Roma dal presidente del Pontificio Consiglio, monsignor Rino Fisichella per – come ha spiegato il presule presentando l’iniziativa alla Raduo Vaticana – “dare una risposta” alla “situazione di crisi in cui si trova l’Europa”. Il Vecchio Continente ha infatti bisogno di ritrovare “nella sua cultura e nelle proprie radici la forza necessaria per una rinascita spirituale e umanistica”, come ha sottolineato oggi il ‘ministro degli Esteri’ vaticano, monsignor Dominique Mamberti, durante la messa celebrata nella basilica di San Pietro per auspicare il successo del semestre di presidenza polacca dell’Unione Europea.

L’iniziativa, ha aggiunto, per il momento “è limitata ad alcune grandi diocesi europee per verificarne più concretamente l’efficacia” ma in futuro “dovrebbe estendersi oltre i confini del vecchio continente, pur con modalità rispettose delle diverse tradizioni culturali ed ecclesiali”. Il programma prevede una serie di iniziative pastorali e missionarie che si svolgeranno in maniera coordinata e contemporanea nelle diverse città.

Le iniziative cominceranno con una “lettura continuata dei vangeli per porre al centro la Parola di Dio”; poi, ci saranno “tre catechesi del vescovo dedicate ai giovani, alle famiglie e ai catecumeni sulle tematiche della fede; quindi, “una celebrazione del sacramento della riconciliazione per attirare l’attenzione sulla confessione”, un “gesto di carità” e “un segno di spiritualità e di carattere culturale” con la “lettura di alcuni testi significativi”, ad esempio le Confessioni di Sant’Agostino.

Il tutto ruoterà attorno alla cattedrale di ogni singola città, “per il suo alto valore simbolico”, ma l’intento è quello di “estendersi alle parrocchie della diocesi per un’azione più diretta nel territorio”.

“Grazie a questa iniziativa – ha sottolineato monsignor Fisichella –, le diocesi camminano insieme per un progetto comune, forti delle esperienze proprie e peculiari a ognuna già fatte nel passato; si sostengono a vicenda per le comuni difficoltà che si incontrano, e guardano al futuro con la speranza di unità di intenti per un recuperato senso di partecipata responsabilità e per favorire l’apporto creativo e credibile dei cristiani”.

 

fonte: http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/nel-mondo/dettaglio-articolo/articolo/evangelizzare-europa-europe-evangelizar-evangelize-4877/

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
, ,
2 comments on “Il Vaticano lancia un progetto di Nuova Evangelizzazione nelle grandi metropoli europee
  1. una bella iniziativa ma se rimane chiusa in una chiesa non c’è niente di nuovo ma se viene accompagnata da una missione per le strade magari fatta dai giovani può essere interessante

  2. credo che i giovani cristiani, soprattutto del CN, siano molto sensibili al problema e già partecipi nel loro piccolo della questione della “nuova evangelizzazione”.
    spero invece che questa iniziativa “limitata” ad un ristretto seppur simbolico numero (12) di grandi diocesi possa coinvolgere quelle parrocchie dove il CN non è ancora radicato e non esiste una concreta forma di evangelizzazione per le persone ormai “scristianizzate”.
    l’augurio è che lo Spirito Santo possa benedire questa iniziativa.
    la pace
    Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − uno =