Il Papa ha deciso, Angelo Scola è il nuovo arcivescovo di Milano

E’ previsto per mezzogiorno di domani l’annuncio ufficiale della nomina di Angelo Scola a arcivescovo di Milano. Il Cardinale, già Patriarca di Venezia dal 2002, prende il posto di Dionigi Tettamanzi (nella foto, il cardinale Scola con una famiglia in missione del Cammino).

Nato a Lecco nel 1941 Angelo Scola viene ordinato sacerdote nel 1970; da allora, numerosi sono gli incarichi che ricopre, tra i quali ricordiamo i molti impegni di docenza nelle accedemie vaticane e la partecipazione a diversi organi importanti della Santa Sede, tra cui anche il nuovo Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione (di cui abbiamo già parlato).

La diocesi di Milano è la più grande d’Europa (5 milioni di abitanti e 1108 parrocchie) e tra le più grandi del mondo per numero di preti. Ha un rito proprio, quello Ambrosiano, ed è considerata tra le più importanti del mondo (secondo qualcuno la più importante).

Il Cardinale Scola ha conosciuto in passato in molte occasioni il Cammino Neocatecumenale. Quest’anno, ad esempio, ha voluto presiedere la Veglia Solenne di Pasqua in San Marco, a Venezia, alla presenza di alcune comunità neocatecumenali del Patriarcato; durante tale celebrazione, tra l’altro, furono impartiti i sacramenti dell’iniziazione cristiana (battesimo, cresima e comunione) ad una decina di catecumeni adulti.

Il 3 aprile 2009 così si rivolse alle comunità neocatecumenali della sua diocesi:

Venerdi, 3 Aprile 2009 Il Patriarca ai neocatecumenali:Grati per la fecondità del vostro carisma
«I vostri statuti dicono che il Cammino neocatecumenale è lo strumento al servizio dei vescovi per attuare il processo di educazione permanente alla fede richiesto da Cristo. L’iniziazione cristiana infatti non è il punto finale nel processo di conversione, ma la professione di fede battesimale si pone a fondamento di un edificio destinato a crescere. L’adesione a Gesù infatti avvia un processo di conversione permanente che dura tutta la vita. Voi siete testimoni di questo processo. Noi tutti, cristiani vostri fratelli, corpo presbiterale di questa Chiesa e Patriarca, vi siamo realmente grati e vi invitiamo a continuare con questa stessa energia e con forza creativa il compito bello della testimonianza. E invochiamo dalla Vergine Nicopeia che tutto questo possa crescere, a beneficio di ogni nostro fratello uomo».Le origini a Venezia. Così il card. Angelo Scola si è rivolto ai più di mille appartenenti al Cammino neocatecumenale presenti venerdì 20 marzo nella cattedrale di S. Marco a Venezia. A quarant’anni dalla nascita delle prime comunità in Italia, su iniziativa del pittore spagnolo Kiko Argüello e di Carmen Hernandez, è arrivato infatti a compimento il processo di riconoscimento da parte della Chiesa di questa forma di catecumenato “post battesimale”, “valida per la società e per i tempi odierni”. E’ proprio per ringraziare Dio e la Chiesa per la promulgazione, da parte del Papa, degli Statuti definitivi del Cammino che il Patriarca ha celebrato una messa, presenti le comunità veneziane, rappresentanti di altre aggregazioni laicali della diocesi e Stefano Gennarini, il catechista itinerante che ha aperto a Venezia questo “itinerario di formazione cattolica”. «Nel 1972 – ha ricordato – Luciani ci accolse con grande amore, ci appoggiò e ci aiutò ad aprire questo cammino anche in altre diocesi; e ci seguì venendo alle celebrazioni delle varie tappe del Cammino». Ringraziamenti sono stati rivolti anche al Patriarca Cè e ai primi parroci che hanno accolto le comunità nelle loro parrocchie.Testimonianza di radicalità. «“In questa nostra epoca abbiamo bisogno di riscoprire una fede radicale, radicalmente compresa, radicalmente vissuta e radicalmente realizzata”. Questo diceva Giovanni Paolo II il 2 novembre 1980 nella parrocchia romana di Nostra Signora del Ss.mo Sacramento e Santi Martiri Canadesi», ha ricordato il card. Scola nell’omelia. «Questa radicalità che il Cammino a più livelli testimonia, nonostante le nostre personali fragilità; questa radicalità serena, pacifica, rispettosa, umile, perché consapevole che tutto è puro dono, ma nello stesso tempo franca, decisa… questa radicalità vuole, senza saperlo, l’uomo di oggi, anche quando separa pericolosamente un’ipotetica adesione a Cristo dal filiale amore alla Chiesa, o quando si fa beffe di Dio senza saperlo. Questo vuole, perché nessun uomo può vivere senza anelare a Dio; lo ridurrà ad un idolo, ma compito del testimone sarà infrangere l’idolo perché venga fuori il desiderio di Dio che abita ogni uomo».Il carisma è un dono. «La Chiesa è piena di gratitudine per la fecondità del vostro carisma», ha proseguito il Patriarca. «Ma è un carisma: “Grazie a me tu porti frutto” (Os 14,9). Non bisogna mai dimenticarlo, dall’interno della nostra vita personale e di comunità. C’è un test per riconoscere di essere stati fatti oggetti di un dono, attraverso il frutto bello che si documenta nelle mille e mille testimonianze preziose che il Cammino ci va offrendo, nella lunga storia di presenza nella nostra diocesi. Lo dirò usando le parole che Benedetto XVI vi ha rivolto il 10 gennaio scorso: “La vostra già tanto benemerita azione apostolica sarà ancor più efficace nella misura in cui vi sforzerete di coltivare costantemente quell’anelito verso l’unità che Gesù ha comunicato ai Dodici durante l’Ultima Cena. (…) E’ questa unità, dono dello Spirito Santo e incessante ricerca dei credenti, a fare di ogni comunità un’articolazione viva e ben inserita nel Corpo mistico di Cristo. L’unità dei discepoli del Signore appartiene all’essenza della Chiesa ed è condizione indispensabile perché la sua azione evangelizzatrice risulti feconda e credibile”».Il segno dell’unità. «Amate questa unità», ha invitato il card. Scola. «Ne è un segno bellissimo la presenza dei rappresentanti delle altre aggregazioni e movimenti della nostra diocesi. Cercatela perché di questa unità ha bisogno l’uomo smarrito e assetato di oggi. Se i cristiani non documentano che Cristo viene prima delle loro opinioni, delle loro sensibilità, dei loro stili, diventano senza volerlo un diaframma anziché dei testimoni, anziché essere il ponte tra Cristo e l’uomo di oggi. E’ questa stupenda prospettiva dell’unità della Chiesa – così cara al Santo Spirito, alla Sacra Scrittura, così cara ai Padri e ai grandi Dottori della Chiesa, ai più profondi teologi – che la rende splendente e lascia brillare Gesù luce delle genti. Dobbiamo domandarla con forza ogni giorno al Signore».Famiglie in missione. Il Patriarca ha anche impartito una speciale benedizione ad alcune famiglie veneziane inviate ad evangelizzare in diverse parti del mondo: Giacomo e Olga Biadene (in aiuto al seminario di Reormund, in Olanda), Emanuele e Benedetta Chinaglia (6 figli, in missione a Killarney, in Irlanda), Francesco e Maddalena Cadamuro (3 figli, in missione a Regensburg, in Germania), Alvise e Sabrina Da Ponte (5 figli, in missione a Sabac, in Serbia), Pietro e Francesca Bergamo (in missione a Namur, in Belgio). Il canto del Te Deum ha tradotto in musica il ringraziamento delle comunità veneziane per l’approvazione degli statuti definitivi, che si possono leggere anche in internet, all’indirizzo www.camminoneocatecumenale.it/it/statuti1.asp. Come un dono è stata accolta la notizia dell’indulgenza plenaria concessa, secondo le norme canoniche, ai partecipanti a questa forma di pellegrinaggio a S. Marco.  Paolo FuscoTratto da GENTE VENETA, n.12/2009

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 3 =