Il Kerygma di Kiko Argüello a Düsseldorf

Riportiamo la trascrizione del discorso che Kiko Arguello ha pronuciato durante l’incontro con i giovani che si è tenuto a Dusseldorf lo scorso 29 maggio; per chi volesse, in questa pagina si possono trovare i nostri precedenti articoli su quell’evento.

Per favore, fratelli, sedetevi. E ‘molto importante questo momento perché può cambiare la vita di tutti, se Dio veramente ci concede la conversione. Io dico una parola solamente, ma è fondamentale stare fermi e tranquilli.

Abbiamo detto molte volte che Dio ha voluto salvare il mondo attraverso la stoltezza della predicazione, e ogni volta che si annuncia il kerygma questo si realizza, si attua. Dio ha voluto salvare il mondo attraverso una notizia. Questa notizia è ora operante. Qual è questa notizia? (Ascolta! Ascolta!) Questa notizia si riflette su questa icona (il “Giudizio Universale”), questa notizia sta dicendo che colui che è morto per voi perché possiate cambiare vita, Dio lo ha risuscitato dalla morte e lo ha costituito Kyrios, Signore dei vivi e dei morti. E tornerà a giudicare i vivi e i morti.

Questo quadro è parte del kerygma: la seconda venuta di Cristo.

Questa ragazza o ragazzo nudo che si vede nell’icona, siamo noi! Un giorno sarà scoperta la nostra realtà più profonda. Ma Dio ha mandato suo Figlio Gesù Cristo perché tu possa vivere una nuova vita, gratuitamente. Ricordate le parole di San Paolo, “Caritas Christi urget nos”, l’amore di Cristo ci spinge, ci spinge a pensare che se Cristo è morto per tutti, tutti gli uomini sono morti! E perché è morto? Dice, “perché le persone non vivano più per se stesse, ma vivano per colui che è morto e risorto per loro” (cfr 2 Cor 5,14-17).

Noi abbiamo predicato questa antropologia che il Signore ha dato al Cammino, il kerygma, questa sintesi teologico- kerigmatica, che Dio ha voluto che dicessimo anche ai vescovi. Pensate che il Signore, negli ultimi anni, ha portato 1400 vescovi alla Domus Galilea.
Quanti doni Dio ci sta dando per portare presto una nuova evangelizzazione! È necessario portare una sintesi, una forma di predicazione, una parola vera, piena di vita eterna, di un contenuto profondo, vero.

Guardate, quando gli apostoli predicavano che “Colui che abbiamo ucciso (tutti abbiamo ucciso Cristo, tutti abbiamo preferito la nostra vita), Lui si è offerto come vittima d’amore, di espiazione per noi, per pagare per i nostri peccati, perché si realizzasse ogni giustizia”, il Padre ha accettato questa sua oblazione per noi. Questa morte per ognuno di noi l’ha accettata il Padre. Quindi tutti sono morti e tutti abbiamo il diritto di ricevere la vita immortale, la vittoria sulla morte. E’ morto per i nostri peccati, risorto per la nostra giustificazione; la prova che siamo stati perdonati è che noi non moriremo di nuovo, noi siamo stati co -resuscitati con Lui ad una nuova vita, la vita eterna.

Ma la cosa più impressionante, fratelli, è che questa figura, questo povero uomo crocifisso, se lui è veramente Dio (perché gli apostoli annunciano questa notizia: Questo è il Signore, il Kyrios, nel Vecchio Testamento questa parola è riservata a Dio; è Dio!) allora, se questo amore che Dio ha fatto presente, allora questa è la verità! Siamo invitati a vivere nella verità. Si noti che questa parola è molto più profonda di quanto si possa pensare. Si può vivere una vita nella menzogna ​​o nella verità. E che cosa è quasta verità? L’amore di Dio crocifisso, l’essenza stessa di Dio. La Lettera agli Ebrei dice che Cristo è il segno della sostanza divina, il riflesso della sua gloria. A Dio nessuno l’ha mai visto. Dio è amore, amore infinito, eterno, incommensurabile, amore a noi così come siamo. Per amarci Dio non ha bisogno che cambiamo la nostra vita, ci ama come siamo, ci ama infinitamente, totalmente, fino la morte.

Questo amore è quello che governa tutto l’universo. In questo amore è stata creata ogni creatura, ogni animale, ogni fiore, ogni pianta, questo è il contenuto di ogni bellezza umana, di noi stessi: l’amore! Pertanto siamo chiamati a vivere una vita in Lui, in questo amore, nella verità. E che cosa è questo amore? E’ la santità! E che cosa è la santità? La santità, dice Cristo, è che un cristiano non dice una parola malvagia, nemmeno una; dice Cristo che saremo giudicati per ogni parola imprudente, inutile.

Siamo invitati a vivere la verità in una vita santa: senza guardare una donna per desiderarla; amando il nemico; facendo della nostra vita una liturgia di santità; accettando la precarietà del vivere questo amore in mezzo alla tempesta di cui stava parlando il nostro presidente, il cardinale Meisner, tra le tentazioni che ci circondano: il sesso, la superbia, la vanagloria.

Il suo amore è stato depositato in noi, siamo chiamati a vivere la nostra vita nella verità, nella santità divina offerta gratuitamente a noi.

Ma, attenzione a questo quadro! Se lo rifiuti, questa immagine diventa per te un giudizio. Sei stato a Dusseldorf, Cristo ti ha invitato a cambiare la tua vita, a conoscere tutte le tue menzogne, le tue fornicazioni, le tue masturbazioni, ciò che vuoi, la tua vita non vale niente! e questa vita non è fondata nella verità. Ti si offre totalmente gratis, nel suo amore, la possibilità di ricevere, con il perdono dei peccati, la riconciliazione con Dio e di ricevere lo Spirito Santo dal cielo, ora! L’essenza divina è che Dio vorrebbe essere un tutt’uno con te. Come il Padre sta nel Figlio e il Figlio nel Padre, un solo Spirito Santo, Dio vorrebbe essere uno con noi, perché questa è l’essenza divina, la verità dell’universo. Per essere uno in noi ha il bisogno della nostra libertà, che noi diciamo: eccomi qua! Come ha detto la Santa Vergine Maria: Eccomi, fai di me quello che vuoi, Padre. Questo è ciò che Cristo ha detto nel Getsemani: “. Non come voglio io, ma come vuoi tu” E guardate il frutto: dopo duemila anni, siamo qui 25.000 giovani. Cristo infatti ha detto: “Sì, o Padre, tutto è possibile a te, tutto; se è possibile, che io non beva di questo calice ….”. Lui, poveretto, pieno di paura, debolezza, pensò che non poteva. Ma dice: “Che non sia come voglio io, ma come vuoi tu”. Dio gli manda un angelo a consolarlo, ad abbracciarlo, dicendogli: coraggio! Come abbiamo detto oggi alla Vergine Maria cantando con l’orchestra:

“Maria, tu sei la madre di Dio, coraggio!”

Non pensate che nelle vostre scomodità, nelle vostre piccole sofferenze; la sofferenza vera è quella di vivere una vita di menzogne. Guardate quante persone si uccidono, ricordalo, ricordalo sempre. Cristo dice: “Avete visto quella torre di Siloe: è caduta e ha ucciso diciotto persone.” Avete visto cosa è successo in Giappone. Anche in Spagna, a Lorca, c’è stato un terribile terremoto. Hai visto cosa sta succedendo! “Tu credi che questa era una punizione?
Pensi che quello che è successo a queste persone è perché erano peggio di te? No, vi assicuro, dice Gesù Cristo, e se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo “. Quante famiglie distrutte intorno a voi? Quante ragazze che sono state violentate? Quante ragazze hanno avuto tre aborti a sedici anni? Domandati di quelle ragazze che sono nella missio ad gentes in Amsterdam o a Kemnitz, o come sta oggi l’Europa! E pensate che questo è successo solo a quelle persone?

No, sta accadendo in tutta Europa. Se non vi convertite, ti accadrà la stessa cosa: domani lascerai il Cammino, lascerai la Chiesa, la tua vita sarà un inferno e alcuni di voi potrebbero anche finire per suicidarsi. Ogni minuto una persona si suicida.

Ma il Signore vuole aiutare. Uno potrebbe dire: Ma perché non li aiuta Dio? No, lui ha deciso di salvare il mondo attraverso la predicazione; non appare direttamente ad un uomo dicendo:

Fai questo, non devi fare quell’altro! In Spagna, ad esempio, stanno uccidendo tante donne. Abbiamo una antropologia biblica, fantastica: l’uomo, dopo essersi separato da Dio, il suo essere più profondo, il suo essere persona è vuoto, è morto! Ha bisogno di essere, ha necessità di essere una persona, e essere una persona significa essere amato da qualcuno. Ha sposato una bella donna, ha posto il suo essere in quella donna e quella donna lo ha abbandonato per un altro uomo. Sente questa sofferenza dentro, perché il suo essere più profondo è precipitato in un inferno; non solo è distrutto, ma è nell’inferno del nulla, del non essere! E perché la moglie sappia il terribile male che gli ha causato, va e uccide i bambini e poi si uccide. Hai letto la storia di questa donna che aveva due bellissime ragazze?

Lei bella, molto bella, bellissime ragazze, e così via … E ora la polizia le sta cercando, non so se il padre si è ucciso in Svizzera. Lei non capisce il perché e forse dice: questo non è l’uomo con cui mi sono sposata! Ha sposato un ragazzo giovane, borghese; ma lei lo ha tradito con un altro uomo e non capisce che suo marito è diventato improvvisamente niente e non esiste, già non esiste! Sappiamo che il profondo dell’essere umano muore nel momento in cui si separa da Dio e ha la morte dentro. Pertanto, tutti abbiamo la morte dentro. <> (Mt 8,22), dice il Signore. Sappiamo che questo fondo dell’essere umano deve essere guarito, e solo Dio lo guarisce quando lo visita con un pizzico della sua sostanza, quando la sostanza di Dio, lo Spirito Santo, attesta al nostro spirito e dice: Io ti amo, Kiko, io ti amo e ti amo come un padre, “Tu sei mio figlio”. Qui l’uomo nasce di nuovo come persona; non pone più il suo essere in una donna o in un uomo. E come si può dare questo tocco, questa testimonianza dello Spirito di Cristo?

St. Paul dice: “Lo Spirito di Cristo testimonia al nostro spirito che siamo figli di Dio”, il nostro stesso spirito geme dentro di noi dicendo. “Abbà, Padre, Padre! (cfr. 8:16-17).

Poi, naturalmente, questo incontro è dato dalla fede: la fede viene dall’ascolto, dalla predicazione.

Pertanto, “guai a me se non annunziassi il Vangelo “(1 Corinzi 9,16), perché mediante la fede viene lo Spirito Santo. Ma Dio la fede la dà a chi ascolta il kerygma. Inoltre, Dio stesso dona lo Spirito a chi ascolta perché vuole dare la fede e la salvezza attraverso la fede, una vita nuova, una nuova creazione. Butta ciò che è vecchio, dice San Paolo, tutto è nuovo (cfr 2 Corinzi 5,17).

Prima abbiamo incontrato Cristo attraverso gli occhi, esteriormente, ora non è più così. Ora è dentro di noi, è uno con me, dentro di me! Vive con me, dorme con me, cammina con me, abbiamo parlato insieme in strada; è il mio amico, il mio essere più profondo, che dà senso al mio essere persona. Ciò che i Padri del deserto chiamano il Cristo Parlante, perché ti parla! Stai dormendo e gli dici: ‘Signore, ti amo! e lui risponderà immediatamente. Oppure gli dici: Signore, aiutami, ho paura per l’incontro a Dusseldorf … e dice subito: – Coraggio, io sarò lì con te, coraggio! – Ma, Signore, la musica?… Chissà se gli piace?! – Coraggio, io sono con te! E senti dentro questa parola che ti dice: Coraggio! Io non sono solo, non c’è cristiano che stia solo.

Oggi siete invitati a mettere la vostra vita nella verità di Cristo, nell’amore di Cristo per voi, per non vivere più per te stesso, ma per vivere in Lui. Vi assicuro che il futuro dei nuovi presbiteri nella Chiesa sarà meraviglioso, con la missio ad gentes, in Asia, Cina, nel nord della Norvegia. Perché si risani questa società piena di persone sole, dove la famiglia è distrutta, dove non ci sono più i giovani! Perché non hanno voluto avere figli.

Quindi, anche noi con questo pellegrinaggio abbiamo voluto dare una testimonianza con voi a molte parrocchie in Germania perché dicano: Guarda quanti giovani! Bene fratelli miei, se qualcuno di voi si sente oggi, questo pomeriggio, che vuole offrire la sua vita, perché Dio lo sta chiamando a cambiare vita, per porsi al Suo servizio, non abbiate paura di nulla, perché Lui è il garante, è garante di tutti! Farà miracoli. Ho visto ragazzi che sono stati fuori dal Cammino, pieni di crisi e poi, inaspettatamente, di nuovo in pista, ritornano in Cammino e ad una convivenza il Signore li chiama, sono alzano.

Suo padre mi dice che non lo riconosce! Gli è toccato quel seminario lì in Africa, in un luogo orribile, ed è entusiasta! E’ cambiato! Era un borghese terribile, non poteva sopportare il disagio, non lo riconosco! Dio ha fatto tutto e si è fatto garante di quel ragazzo che è entusiasta, non è più la persona di prima, un borghese che faceva tutto per sé, incapace di darsi agli altri. Questo sì che è la sofferenza e maledizione. Ma se Cristo vi chiama con Lui ad amare l’umanità come Lui la ama, è bellissimo perché Cristo ci trasmette il suo desiderio, la sua ansia di salvezza. È lui che vuole salvare l’umanità. È lui colui che la vuole salvare!

 

fonte: http://camineo.info/news/153/ARTICLE/15692/2011-06-22.html

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − dieci =