Da oggi è possibile scaricare dall’area riservata gli spartiti dei canti del Cammino

In collaborazione con la pagine facebook “Per tutti i cantori del Cammino Neocatecumenale” presentiamo le partiture dei maggiori canti del Cammino, accessibili nell’area riservata.

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
6 comments on “Da oggi è possibile scaricare dall’area riservata gli spartiti dei canti del Cammino
  1. Con il permesso dei fratelli della redazione e solo con la loro approvazione, vorrei rivolgere un caloroso invito ai fratelli,alcuni dei quali ne conosco l’identità,che intervengono sul blog “Osservatorio sul Cammino Neocatecumenale secondo verità”.

    Carissimi fratelli vi invito a non intervenire più alle discussioni del blog:”Osservatorio sul Cammino Neocatecumenale secondo verità”.

    Vi prego:Non rispondete più alle provocazioni e agli attacchi che quotidianamente provengono da quel blog.

    Continuando ad intervenire assicurerete a quel blog una lunga vita.

    Probabilmente l’intervento di qualche fratello è motivato dal desiderio di dialogo e di pacificazione.

    Purtroppo però l’esperienza ha dimostrato che ogni tentativo di dialogo è del tutto inutile ed impossibile e si infrange contro il muro che essi hanno costruito.

    Spessissimo gli interventi, inviati con buone intenzioni, vengono dalla redazion e di quel blog,strumentalizzati,distorti o peggio ancora censurati.

    Sono a conoscenza della reale identità di alcuni partecipanti a quel blog e della direttrice.Conosco bene anche la loro estrazione socio culturale.

    Rinnovo quindi ancora la preghiera di non intervenire nella polemica che quel blog porta avanti.Grazie

    • Non abbiamo particolare interesse a parlare di altri blog, ma visto che siamo entrati nell’argomento approvo la posizione di zunbla, e invito i fratelli a lasciarlo perdere.
      Il problema lì dentro è che in risposta a qualsiasi cosa si argomenti a favore del cammino viene prodotta da chi lo attacca una quantità immane di STUPIDAGGINI, INESATTEZZE, e altre scemenze che rendono impossibile la discussione.
      Possono produrre piu’ stupidaggini di quante io non possa spalare, senza peraltro durare la fatica che duro io a spalarle: la soluzione naturale al problema è quindi, semplicemente, evitare di spalare via tali scemenze. In pratica , economicamente parlando, vincerà sempre chi si inventa le scemenze, perche’ la dissipazione di una scemenza costa piu’ della sua creazione.
      A meno che il secondo decida di rivolgere altrove il suo tempo, lasciando il primo con le sue scemenze.

    • Penso che questo messaggio di Zunbla sia importante e vada preso sul serio. Vorrei unirmi a questo appello: stacchiamo la spina a questo sito che sopravvive grazie a noi. E voglio fare un appello particolare ad Alessio, che scrive spesso li’.

      Per lungo tempo ho preso l’Osservatorio come un sito di intrattenimento dove farsi due risate a spese di un gruppuscolo di mattoidi. Lasciando perdere il mio cinismo e il mio snobismo intellettuale che mi fa divertire in questo modo distorto, mi rendo conto adesso che se questo sito riesce a rovinare l’esperienza dell’incontro con Gesu’ Cristo anche solo a una persona intellettualmente vulnerabile, e’ gia’ un danno troppo grande di cui essere responsabili!

      Alessio, siamo persone libere e nessuno ti puo’ dire cosa devi fare. Spero pero’ che ti rendi conto che tu sei in questo momento il carburante di questo sito. Siti come questo si spengono da se’ se non sono alimentati dal fuoco della polemica sterile che consuma senza fare crescere nessuno. Senza di noi, si perdono dopo pochi gg in un rigagnolo di disquisizioni fumose e incomprensibili. Per questo lasciano passare qualcosa, ma e’ solo quello che gli fa comodo: e ti rendi conto che nessun dialogo — specialmente un dialogo pubblico — e’ possibile con chi puo’ decidere di metterti il bavaglio quando gli fa comodo.

      Capisco il tuo desiderio di avere rassicurazioni sul Cammino, capisco che tu possa avere bisogno di discuterne con qualcuno, ma quello non e’ il posto giusto! Parlane con un sacerdote, parlane con il vescovo, chiama la curia della tua regione, parla con qualche amico dell’Opus Dei o di CL, parlane con chi ti pare, ma che senso ha dialogare con questi che si atteggiano a vaticanisti ma non sanno nulla di teologia, non sanno nulla di liturgia, sono dilettanti allo sbaraglio accomunati da un astio trasparente nei confronti del Cammino e da una crescente disonesta’ come ne e’ prova la recente traduzione della lettera di Villegas che hanno messo sul sito.

      Alessio, ti invito dunque a fare questo: prenditi un paio di giorni di pausa, leggiti un centinaio di pagine di Imitazione di Cristo che ha molto da dire sulle parole che non portano da nessuna parte, pregaci un po’ su e chiediti se quello che stai facendo e’ la volonta’ di Dio oppure di qualcun altro.

      Prega piuttosto per loro, che trovino un po’ di pace, e prega anche per me!

      La pace

      Zufolo

  2. Sono contento che Jacopo condivida il mio appello.Spero che i fratelli che abitualmente intervengono su quel blog ascoltino ed evitino si intervenire ancora.Tra l’altro vorrei informarvi che ho più volte segnalato l’attività di quel blog alla Polizia Postale.Inoltre anche il Pontificio Consiglio per i Laici è stato messo al corrente della reale identità dei componenti di quel blog ,soprattutto della direttrice,e della sua attività.Pertanto sconsiglio i fratelli del Cammino di continuare ad intervenire.Grazie

    • Vorrei solo aggiungere (vedi intervento sopra) per Zunbla che anche se condivido l’invito a non alimentare questo sito con i nostri contributi, non vedo cosa c’entri la polizia con l’attivita’ di un sito di opinioni… da quando in qua le dabbenaggini hanno rilevanza penale? E che cosa se ne fa il PCL dei nomi di quattro sgangherati?

      Z

  3. Direi che possiamo finire qui la discussione su altri blog – d’ora in poi non pubblicheremo altri commenti di questo tipo.

    Cammino.info non ha interesse ad affrontare queste discussioni (vedi la pagina “Chi Siamo”) e no, non abbiamo problemi a filtrare i commenti: se e’ vero che hai il diritto di dire quel che vuoi, non e’ vero che hai il diritto di farlo QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + venti =