Il Nunzio apostolico negli Stati Uniti definisce i seminari Redemptoris Mater “un flusso d’acqua viva per la diocesi”



Per l’arcivescovo Pietro Sambi, il nunzio apostolico negli Stati Uniti, il valore dei seminari Redemptoris Mater, per la Chiesa d’oggi può essere paragonata ad una sorgente di acqua viva. Ricordando le osservazioni ha fatto nella sua prima omelia dopo essere diventato vescovo, Mons. Sambi ha detto che la Chiesa in ogni luogo può essere vista come un piccolo lago. A meno che il lago è alimentato da un flusso di acqua, dentro e fuori, comincia a restringersi e stagnare. Attraverso il loro carisma, che è sia diocesano che missionario, ha detto,  i Seminari “Redemptoris Mater possono essere come quel flusso di acqua per la diocesi, al centro dei valori diocesani e dei valori missionari”.

“Una diocesi aperta all’universalità della Chiesa è una diocesi che acquisisce vitalità e progresso per il futuro”, ha aggiunto.
Mons. Sambi, insieme ad uomo d’affari locale e filantropo Jack Shaughnessy, è stato l’ospite d’onore al Redemptoris Mater Seminario Arcivescovile Missionario durante la Seconda cena annuale di Gala il 15 maggio alle Lantana in Randolph, evento cui hanno partecipato circa 350 persone.
Padre Antonio Medeiros, rettore del seminario di Boston, ha parlato di come i seminari Redemptoris Mater aiutino a rispondere alla chiamare del Beato Giovanni Paolo II alla Santità attraverso la Nuova Evangelizzazione.

“Solo la gioia di aver incontrato il Cristo risorto può illuminare e convertire gli uomini e le donne contemporanee che, dopo aver lasciato il rifugio di religiosità, sono portati sulle strade delle grandi città ad annunciare Cristo,”  ha dettoPadre Medeiros.

La  serata è proseguita con un video ricordo della vita del beato Papa Giovanni Paolo II, che ha istituito il primo Redemptoris Mater di Roma e la sua chiamata per iniziare una Nuova Evangelizzazione. Il video è anche un riconoscimento al Cammino Neocatecumenale ed al suo contributo alla Chiesa di oggi, come metodo di iniziazione cristiana che ha avuto inizio in Spagna nel 1964.

Ci sono attualmente 78 seminari “Redemptoris Mater in diocesi di tutto il mondo. Oltre che a Boston, i seminari Redemptoris Mater negli Stati Uniti si trovano a Dallas, Denver, Newark, Washington, DC e Guam.

Il cardinale Sean P. O’Malley, nel suo intervento, ha fatto eco dei temi trattati nel video, dicendo che i seminari Redemptoris Mater oggi esistono grazie alla “creatività pastorale ed all’ispirazione” del Papa Giovanni Paolo II.

Il cardinale O’Malley ha anche introdotto l’arcivescovo Sambi, oratore di spicco della serata.

Prendendo il podio, il nunzio ha elogiato l’attuale cardinale e i presenti alla cena per il loro sostegno al seminario.

“Vorrei esprimere la mia gratitudine e la riconoscenza del Santo Padre per il sostegno, per l’amicizia, per l’incoraggiamento che date al Seminario” Redemptoris Mater “. Mons. Sambi ha elogiato il lavoro del seminario di Boston. “Ci sono andato questa mattina”, ha detto: “La tua casa è piccola, ma la speranza in questa casa è grande”.

Parlando alla platea, ha aggiunto, “Aiutiamo, per favore, affinchè si possa allargare la casa e, così facendo, la speranza”.

Ci sono attualmente 18 seminaristi in formazione presso il seminario, che si trova nella ex canonica di San Lorenzo Chiesa di Brookline.

Intervenendo nella Domenica del Buon Pastore, che è anche la Giornata Mondiale di Preghiera per le vocazioni nella Chiesa, l’arcivescovo Sambi ricordato ai partecipanti che la  preghiera serale ha una valenza nella promozione delle vocazioni sacerdotali. “La preghiera è il primo modo che ci è dato di contribuire ad aumentare in numero e qualità delle vocazioni”, ha detto il Nunzio. Lo stesso ha inoltre ricordato le parole di Papa Benedetto XVI durante la sua visita apostolica 2008 negli Stati Uniti, quando il papa ha detto che “la capacità di una Chiesa locale nel promuovere le vocazioni, è un segno della sua vitalità. Possa Boston recuperare quella posizione che aveva nella Chiesa negli Stati Uniti, di essere la madre, per essere la luce, di essere la Chiesa che indica il futuro attraverso il suo impegno per avere molte vocazioni”.

“Non abbiate paura, non ci sono mai abbastanza sacerdoti”, ha aggiunto.

 

Fonte: http://www.thebostonpilot.com/article.asp?ID=13359

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 − 2 =